top of page
  • Immagine del redattoreAlex Li Calzi

Carciofi alla giudia

I carciofi alla giudia, un gioiello culinario della tradizione giudaico-romana, regalano un'esperienza gastronomica unica. A Roma, nel cuore del Ghetto, ogni ristorante celebra questi carciofi, offrendoli come delizioso antipasto, contorno o raffinato secondo di verdura. La loro magia risiede nella doppia frittura, un segreto che conferisce croccantezza e gusto avvolgente.

Ecco come realizzare i carciofi alla giudia e deliziare il palato con un tocco di storia e sapore!



INGREDIENTI

·     4 carciofi tipo mammola romana

·     2 litri di olio di semi di arachidi

·     Sale grosso

·     1 limone

 

Inizia pulendo le mammole. Riempi una bacinella con acqua e limone, immergile per evitare che anneriscano. Usa un coltello da cucina per rimuovere le foglioline alla base e quelle piu dure ed infine taglia di netto la cima dei carciofi mantenendo solo le teste dei carciofi. Accorcia i gambi.

Dopo la pulizia, immergi le mammole in acqua e limone, asciugale bene su un canovaccio e sbatti leggermente le teste per eliminare l'acqua in eccesso.

Scalda l'olio in una pentola a 140°C. Friggi i carciofi per 10 minuti, girandoli per una cottura uniforme. Assicurati che la temperatura dell'olio sia costante.

Lasciali intiepidire, allarga delicatamente la parte centrale come se fosse un fiore ed immergi per 2 minuti in olio bollente a 180 gradi.

Servi con una spolverata di sale grosso

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page